gif_mandara_Mozzarelle_bufala
News – biomozzarella

Mozzarella di Bufala Mandara bio La qualità che fa bene alla salute

Da una bufala felice deriva un consumatore felice.

La filosofia bio è tutta qui, in questa semplice equazione

Mozzarella di Bufala Mandara BIO

Il settore biologico, nel mondo del food e soprattutto in quello lattiero- caseario, sta conquistando sempre più spazio in Italia, tant’è che le ultime rilevazioni statistiche (maggio 2018) parlano di un incremento del 14,5%. Una crescita inarrestabile, oggi e in futuro, a cui corrisponde una rinnovata attenzione dei produttori verso linee di prodotti che convincono per la genuinità e per la purezza.

La «Ilc la Mediterranea», azienda alimentare leader nel nostro Paese e in Europa nel settore caseario con esportazioni in tre continenti e proprietaria, tra l’altro, dello storico brand «Mozzarella Mandara», ha intravisto e anticipato già da tempo questo trend proponendo ai suoi affezionati clienti mozzarelle bio tra le più richieste sul mercato.

Prodotti caratterizzati dalla ben nota bontà, che assicurano anche il più esigente dei clienti. Il latte della mozzarella bio Mandara, infatti, proviene da un solo fornitore che si trova nel Casertano, area di elezione della bufala mediterranea, selezionato a seguito di una lunga e articolata attività di ricerca che ha impegnato sul territorio gli esperti dell’azienda.

Una cura per i processi produttivi che conferma, una volta di più, la particolare attenzione che la «Ilc la Mediterranea» da sempre rivolge alla qualità dei suoi prodotti. Oltre a quello dell’allevamento, il caseificio fornisce infatti al cliente un’ulteriore certificazione (BIOagricert/stalla Ccpb), che garantisce la totale genuinità delle materie prime e della stessa linea di produzione.

Ma spieghiamo un po’ più nei dettagli queste sigle che cosa significano. Per diventare un’ottima mozzarella bio Mandara, infatti, il latte viene munto da bufale che vivono in allevamenti dotati di particolari “garanzie” come quelle riguardanti il cibo degli animali.

L’alimentazione delle bufale per la produzione di latte biologico deve essere incentrata su un largo utilizzo di foraggi auto prodotti (affienati, verdi o insilati) e un limitato utilizzo di concentrati (mangimi, cereali, semi di leguminose, ecc.).

 

Un trattamento che, di fatto, comporta già a monte un più rigido controllo sulla presenza eventuale di residui non naturali nel latte e, quindi, nel prodotto finale.

Alla luce dei regolamenti europei Ce 834/07 e Ce 889/8 e, a livello italiano, del decreto ministeriale 18354/09 (Agricoltura biologica), possiamo definire quindi il latte da agricoltura biologica come il latte proveniente da un allevamento che ammette solo l’impiego di sostanze naturali, cioè presenti in natura, escludendo l’utilizzo di sostanze di sintesi chimica.

Latte raccolto e trattato rispettando rigide norme igienico-sanitarie della stalla, come abbiamo visto, ma anche degli ambienti e degli strumenti di lavorazione.

Tutto ciò che, appunto, garantisce la mozzarella bio Mandara.

D’altronde, il concetto del biologico è proprio questo: salvaguardare la salute (e perché no, anche il gusto), andando a intervenire sui meccanismi di produzione del cibo in chiave di contemporanea salvaguardia dell’ambiente e degli animali.

Insomma, una vera e propria rivoluzione (alimentare) copernicana che la «Ilc la Mediterranea» ha saputo cogliere in anticipo e che oggi rappresenta una delle fette di mercato più interessanti, per la continua crescita del food italiano. Ma perché farsi tentare dalla mozzarella bio Mandara?

I motivi sono diversi e riguardano non solo la proverbiale maestria dei casari dell’azienda napoletana con sede operativa a Mondragone, nel cuore della piana del Casertano dove pascolano migliaia e migliaia di capi di bestiame.

Il formaggio biologico, infatti, ha un contenuto significativamente più elevato di vitamina A (beta-carotene) e vitamina E.

Questi nutrienti agiscono da potenti antiossidanti, proteggendo dai danni causati dai radicali liberi. Inoltre, numerose ricerche hanno provato che i formaggi biologici hanno un elevato contenuto in Omega-3 e acidi linoleici coniugati, due categorie di acidi grassi polinsaturi preziosi per la nostra salute.

La mozzarella bio Mandara è confezionata in bustina da 125 grammi o nell’innovativo packaging EvoCup, altra esclusiva dell’azienda guidata dal patron Giuseppe Mandara e dai figli Silvia Mandara e Francesco Mandara.

Dalla partnership con la società Italpack Cartons, azienda con know- how tecnologico trentennale acquisito nel gable top, sono nate infatti due nuove linee di packaging in esclusiva per la «Ilc la Mediterranea»: l’Eco Carton, contenitore pronto all’uso, impilabile e sostenibile, pensato per alimenti sfusi; e l’EvoCup, appunto, un packaging innovativo che garantisce una sicurezza alimentare e una shelf-life dei prodotti identica ai contenitori tradizionali, utilizzando però l’85% di plastica in meno.

Un’attenzione, quella alla tutela dell’ambiente, che da sempre contraddistingue la filosofia aziendale della «Ilc la Mediterranea». In particolare, l’EvoCup è composto prevalentemente da materiale rinnovabile e riciclabile: la carta, con una sottile pellicola di polietilene, assicura la freschezza del prodotto e il mantenimento delle proprietà organolettiche.

La «Ilc la Mediterranea», come detto, nella sua ultra trentennale storia si è dimostrata particolarmente attenta alla tutela dell’ambiente e all’efficienza energetica anche nel ciclo produttivo: negli ultimi anni ha sviluppato un sofisticatissimo sistema di depurazione e filtraggio delle acque necessarie per la lavorazione dei latticini, che consente un ulteriore livello di controllo e di garanzia per tutti i consumatori. Perché mangiar bene significa anche mangiare sano. E viceversa.